frendeites
comunità



BIG : Lego House

Chi, essendo piccolo, non ha mai sognato di dare vita alle sue costruzioni Lego®? L'architetto Bjarke Ingels lo ha fatto! Grazie al giovane prodigio dell'architettura, ora è possibile camminare all'interno di un complesso di mattoni a vita, il LegoHouse, nel luogo di nascita del famoso parallelepipedo di plastica: Billund (Danimarca).

Billund ... Se questo nome probabilmente non significa nulla per te, è però al centro dell'industria danese ma anche a tutte le nostre casse di gioco! Infatti, quante generazioni non sono state cullate al tocco delicato degli elementi Lego®? Quanti architetti non hanno visto la loro vocazione così nata? Quanti genitori non hanno odiato la loro prole dopo aver camminato su uno di quei pezzi distratti lasciati sul pavimento?
Nel bene e nel male, abbiamo tutto da Ole Kirk Christiansen, un falegname e fondatore della società di giocattoli (che non si chiamava ancora Lego) in 1934 che, avendo sviluppato anatre, yo-yo e altri elementi ricreativi legno, immagina, nel 1955, il sistema comune omonimo derivante dalla contrazione di "legge sulla parità" e "godt" che significa sia "giocare bene" in danese e "monto" in latino. Una torre master per l'imprenditore che, attraverso questo come semplicistica come invenzione rivoluzionaria, ha messo il suo mattone per l'edificio del mercato dei giocattoli globale e più ampia rispetto la nostra infanzia.

Aperto al pubblico per due settimane, il Lego House è descritto da Bjarke Ingels, figlio del paese, come "Una manifestazione letterale delle infinite possibilità del mattone Lego". "Letterale" sta dicendo poco ... I metri quadrati 12 000 dell'edificio sono infatti distribuiti piramidalmente, in blocchi rettangolari 21 la cui volumetria è basata su quella del modulo plastico. Una declinazione che si trova in 3D, quindi anche 2D attraverso le piastrelle in ceramica bianche onnipresenti, rivestiti su montanti metallici, disposti all'interno e all'esterno. Se la costruzione reinterpreta il gioco che ha reso il successo dell'impresa, il suo design non è niente di infantile. Infatti, per mantenere tra di essi le masse geometriche 21, senza utilizzare colonne in parte centrale, il contraente principale utilizza la tecnica della volta, con grandi rinforzi di 900 tonnellate di acciaio. Dall'ampia sala 2 000 con metri quadrati dove è chiaramente richiesto l'impilamento di parallelepipedi, non esiste un elemento portante che disturba la vista e la circolazione dei visitatori 250 000 attesi ogni anno dall'istituto. "Questo assemblaggio è possibile in Lego, ma meno in realtà", prenota un po 'divertito, Trine Nissen, responsabile delle relazioni stampa del marchio - anche se questo errore strutturale ha ritardato la costruzione di un anno.

6220nomini

Con sede a Billund, che potrebbe essere chiamato Lego City - dove l'organizzazione ha anche installato un aeroporto e un parco di divertimenti - l'attrezzatura ludica doveva essere parzialmente aperta a tutti, ma anche le loro borse ... con tre ristoranti e un negozio. Di conseguenza, otto delle 12 terrazze sul tetto sono pubbliche e accessibili senza un biglietto - due delle quali sono terrazzate - grazie a circolazioni che si spiralano insieme. Questi punti di vista sono accessibili dal cortile paesaggistico che circonda l'edificio o attraverso la vasta sala del piano terra dove un ascensore conduce alla sommità della piattaforma del tempio Lego tappatura galleria Masterpiece, evidenziare, chiave di volta strutturale e punto di partenza di un'esperienza immersiva nel mondo del piccolo mattone.

L'accesso a questa stanza è in realtà un percorso iniziatico che inizia al piano terra, al centro del foro (dopo essere stato sollevato di corone 199, un po 'meno di euro 27), con una monumentale scalinata sospesa, s 'avvolgendo attorno ad un albero Lego che richiedeva 6,3 milioni di pezzi, 24 350 ore di lavoro e 3 anni di montaggio da piccole mani. Una volta in cima, in questo spazio i cui occhi di vetro sono basati su otto escrescenze tonde del famoso marciapiede, i visitatori potranno scoprire le creazioni più folli appassionati di Lego, AFOL soprannominato - intesa adulti Fan di LEGO. Serve quindi elicoidale quattro aree situate al di sotto, soprannominati "zone esperienza", il colore si riferisce ai colori storici del giocattolo e corrisponde a una qualità umana per stimolare rosso per la creatività, blu per cognitivo, verde per lo sviluppo di legami sociali e giallo per emozioni. In queste aree aperte e illuminate da lucernari zenitali, i bambini e gli adulti possono creare i propri tra le altre città, inventare personaggi, sviluppare un film in stop-motion, confrontarsi con la propria auto in un ambiente costellato di elementi di arredo Corian®, resina composita resistente al tempo, ma soprattutto ai bambini!

6220nomini2

"Tutte le attività sono legate alla nostra filosofia che il gioco creativo promuove l'innovazione. Il LegoHouse ci permetterà di offrire agli adulti e ai giovani ospiti l'opportunità di stimolare la creatività e l'apprendimento. Jesper Vilstrup, Direttore Generale LegoHouse

E per il più curioso, uno spazio espositivo nel seminterrato ripercorre la storia della società e delle sue varie invenzioni. Infine, il famoso sistema di assemblaggio non meriterebbe il suo posto nella Hall of Design, accanto alle creazioni di Kaare Klinte, Hans Wegner, Poul Henningsen o Arne Jacobsen?

Un edificio che ama tutte le generazioni per la qualità dei suoi spazi e la moltitudine di attività che offre, ma la cui letteralità compositiva è abbinata solo all'avvinizia del marketing. Quando supera il piacere di giocare, è una parte dei nostri ricordi d'infanzia che volano via.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito sito BIG et dal LegoHouse

Fotografie: Iwan Baan (esclusa la fotografia aerea © Kim Christensen)

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[Email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto

Versione mobile