frendeites
comunità



Exsud : Air du Temps

A Liernu (Belgio), non lontano da Namur, un'antica casa colonica risuona con le canzoni delle pentole: L'Air du Temps, un ristorante di alta quota gestito dallo chef Sang-Hoon Degeimbre. Un insieme di quattro edifici risalenti all'inizio del XXe questo secolo, una seconda giovinezza, grazie all'architetto vallone Charlotte Esquenet dell'agenzia Exsud.

Liernu, non lontano da Namur, in un posto che il GPS sta faticando a trovare; siete arrivati ​​ad un indirizzo che porta il suo nome: il tempo di aria molto senza tempo, albergo-ristorante camere 11 e 35 coperto stabilirono qui dal 6 anni e ci 20 anni ha creato in un vecchio negozio di chip situato non via.

Nato in Corea e adottato all'età di 4 anni da una famiglia belga, nella zona, Sang-Hoon Degeimbre mantenuto nella sua storia un occhio sul mondo, una sete insaziabile di scoperta, ora trascritto in i suoi piatti. Un virtuoso degli accordi bocca - che è predestinato a diventare un farmacista - alla fine è diventato capo del giorno ha aperto il suo primo stabilimento, all'età di 28 anni, dopo aver sperimentato il servizio di coperta, sommelier e macelleria . Quello che non riposa mai sugli allori ora File metafora pianta come individuo in un istituto unico nel suo genere, con 80% del cibo proviene dal giardino, e da cui esce senza sprechi - attraverso il compost uso, riduzione della polvere di piante inutilizzate nel forno o presentazione, o il barattolo di 1,5 tonnellate di piante in inverno.

6706nomini

Un legame con la terra trovato nei piatti - contando non meno di pezzi 1 300 - fatti a mano dal laboratorio di ceramica locale Bibenbou, con il materiale estratto dal sito. In breve, una riscrittura contemporanea e culinaria del detto di Lariboisière "Niente è perso, niente è creato, tutto è trasformato" o il più religioso "Ricorda che sei polvere e tornerai nella polvere". Un posizionamento tutta umiliante reincarnato nelle padelle dello chef. "La natura decide i nostri menu"spiega Benoît Blairvacq, giardiniere dello stabilimento, ex assicuratore e banchiere, che ha letteralmente lasciato tutto al lavoro per questo virtuoso della cucina. "Mi sono innamorato di San, dal suo lavoro. Aveva tutti i prodotti necessari ma gli mancavano le verdure. Così ho iniziato a produrne alcuni. Non l'avevo mai fatto in vita mia! "lui consegna.
Su 3 ettari di pacchi ironicamente chiamati Versailles I, II e III, questo poeta della pianta fa crescere le specie di piante 400, con un occhio amorevole oltre che esigente. È logico che l'uomo con le mani verdi rifiuti qualsiasi aggiunta di acqua o pesticidi - a tal punto che gli ettari 2 5 che rappresentano la proprietà non sono coltivati ​​e fungono da respingenti vis-à- campi vicini, che sono meno rigidi per quanto riguarda l'uso di prodotti chimici.

Un campo posto nel cuore del progetto di estensione di questa vecchia casa colonica, che regna le papille gustative ma anche gli occhi. Un set composto da quattro edifici in mattoni in R + 2 organizzati attorno a un cortile centrale quadrato, con cucina su un lato, penate per apprendisti e sala per la colazione sull'altro, e sei nuove stanze - tra cui due suite di metri quadrati 60 - che si aggiungono alle cinque preesistenti situate di fronte al ristorante di cui sopra. "C'erano animali, scherza Benoît Blairvacq. Ma non erano così benestanti! "
Al centro di questa ristrutturazione: la sala di ricevimento, dove San non esita a venire a salutare i suoi ospiti. Precedentemente diviso in tre stanze strette, è esteso a sud-est da una galleria di metri 25 di 8, vetro e metallo, vetrati su tutto il giardino, quindi è come essere fuori! In breve "una finestra aperta sul mondo", come definito dallo schema dei luoghi, doppiamente recitato da 2007. Un liscio entrambi presenti nelle piastre nelle sedi del club disposizione degli ospiti, come il pavimento in moquette soffice o soffitto costituito da ondulate parti 2 000 fresati balsa sia decorativo e acustico.

Una quarta collaborazione in ocra, così di successo per San e l'agenzia Exsud, che aveva incontrato ad iCook, un tavolo tenuto da Philippe Watteyne - finalista di Top Chef Belgium, per la storia.

Intorno ad un abbinamento cibo / vino - o cibo / acqua aromatizzata - su una colonna sonora con canzoni di uccelli locali, l'immersione è totale. Sei qui al palazzo dei sensi.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito di Exsud

Foto: DR

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

 

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

 

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto 

Versione mobile