AAVP : Résidence Simone Veil

Progettare un edificio per la Cité Internationale Universitaire de Paris su un terreno situato sull'altro lato della circonvallazione? Una sfida, ad eccezione dello studio di architettura Vincent Parreira, che consegna in ottobre 2018 una residenza dell'alloggiamento 189 nel 14e circoscrizione. Un risultato tutto in cemento e legno, dove convivialità e socialità occupano un posto grande.

La città universitaria internazionale di Parigi (14e), i suoi giardini, i suoi edifici eccezionali alcuni dei quali, firmati dai più grandi, sono classificati come monumenti storici ... Per un architetto, costruire qui oggi rappresenta un certo prestigio - permettendo di registrarsi in una sorta di Hall of Fame - e, quindi, un compito potenzialmente impressionante. Questo è tanto più vero quando la trama affidata non si trova nel cuore della città, ma dall'altra parte della tangenziale, coinvolgendo oltre a instillare lo spirito del campus nonostante la distanza ... .

6804nomini1

È stato in questo caso che il team di Vincent Parreira si è mobilitato per progettare un edificio di alloggi 189 per studenti e ricercatori su un lotto di metri quadrati 2 500 situato tra Gentilly (94) e Montrouge ( 92), all'incrocio tra Avenue Paul-Vaillant-Couturier e rue Lucien Descaves. In questo contesto, come associare la realizzazione ai suoi cugini situati dall'altra parte della periferia? Come offrire un comfort simile a quello offerto dai risultati di Claude Parent, Le Corbusier o Lucien Bechman, caratterizzato da un forte legame con la natura? Come, infine, mostrare una certa singolarità mentre si integra con altri edifici nel quartiere?

A questi problemi, i progettisti rispondono con una costruzione in cemento generosamente foderata di larice, rialzata su sette piani e il cui piano triangolare circonda un cortile. Il tutto non è monolitico, ma composto da diversi volumi leggermente sfalsati l'uno dall'altro, e arretrati man mano che l'edificio si alza; una disposizione sfalsata che ha permesso di costruire diverse terrazze verdi dal terzo piano. Inoltre, al piano terra, l'ala è su palafitte fornisce una forma di porosità, facilitando l'apertura della residenza nel quartiere.

6804nomini2

Inoltre, come spesso accade su questo tipo di risultati, l'agenzia di Vincent Parreira presta particolare attenzione alle aree comuni al fine di promuovere la socievolezza tra gli occupanti. Pertanto, alcuni appartamenti hanno un corridoio di servizio esterno, che favorisce lo scambio tra vicini. Al piano terra, colonne di legno chiaro nascondono le reti e si trasformano in sedili alla base. Nella lavanderia, un'immensa panca ricoperta di azulejos - piastrelle di maiolica portoghese - offre agli studenti un angolo per discutere tra due macchine. Infine, gli interni testimoniano anche la volontà di proporre il massimo del comfort: moduli di bagni prefabbricati - precedentemente disegnati sulla scala 1 -, cucine aperte, materiali con accenti contemporanei - cemento grezzo, piastrelle esagonali in terracotta - quindi fornire un adeguato calore per dare agli studenti un senso di casa. Cosa rendono gelosi quelli installati nei padiglioni intramurali?

Fotografie: Luc Boegly e Salem Mostefaoui