frendeites
comunità



ARBA- : Entre les murs

Tra le mura ... Quèsaco? Il sequel del film diretto da Laurent Cantet e premiato al Festival di Cannes nel 2008? Anzi! Questa è una casa progettata dall'agenzia di architettura ARBA- nel 2017 nella città di Thomery. Una realizzazione un po 'particolare, perché si trova su un terreno delimitato - e ritagliato - da muri di viti con cui i progettisti hanno dovuto fare i conti ...

Quando i loro clienti affidano loro la missione di progettare una casa di famiglia su questo terreno situato a Thomery (77), una piccola città ai margini della foresta di Fontainebleau, gli architetti Jean-Baptiste Barache e Sihem Lamine si trovano di fronte a un dilemma piuttosto particolare. . La città infatti è caratterizzata dalla presenza di centinaia di mura di vigna che delimitano le proprietà degli abitanti. Fin qui nulla di molto complesso, tranne che l'appezzamento in questione è attraversato proprio al centro da uno di questi muretti.

6824nomini1

“Gran parte della poetica del luogo proveniva da questo muro, dalla pietra. Ha creato un ecosistema attorno ad esso: generando ombra, immagazzinava calorie e le restituiva alle piante rampicanti. Ma ha disturbato, dividendo in due una terra che avremmo voluto fosse unitaria e aperta! ", testimoniano Jean-Baptiste Barache e Sihem Lamine. Quindi, di fronte alla magia che emana da questo patrimonio, gli architetti si chiedono: "Dovrebbe distruggerlo e ricreare di nuovo? O al massimo, riutilizzare le sue pietre? Doveva tenere questo oggetto intatto, come è stato trovato, il "rispetto", come avrebbero rispettato un albero o un oggetto del patrimonio? Queste domande sono di serie per i professionisti del patrimonio, ma noi siamo i creatori di "nuovo", e quel muro non era un oggetto del patrimonio in senso classico. "

Fortunatamente per il muro del vigneto, Jean-Baptiste Barache e Sihem Lamine non sono solo "Creatori del nuovo". Sono anche architetti sensibili. Quindi il duo sceglie di mantenere questo elemento, che alla fine viene ritagliato solo al centro. La casa è costruita in legno secondo una pianta quadrata, tra il recinto settentrionale e il famoso muro, in modo da avere tre giardini indipendenti: a est, sud e ovest. Attorno al progetto, un passaggio facilita il movimento degli abitanti e occupa lo spazio lasciato tra le facciate e gli spazi esterni protetti dalle intemperie e aiuta ad oscurare il limite interno / esterno.

6824nomini2

Anche dentro, il legno è il re. "Gli interni e le pareti divisorie sono in compensato di betulla"spiegare i costruttori. Giardino terra, ampio soggiorno ha una bellissima e piacevole soffitti alti, grazie alla perforazione di un atrio centrale evidenziata dalla presenza della stufa e la sua pipa. Nei due piani superiori, le camere intime si affacciano su questo vuoto, consentendo agli occupanti di rimanere sempre in contatto. Ultimo dettaglio interessante: i pannelli controventati delle pareti in legno, solitamente nascoste, sono qui lasciati esposti e semplicemente dipinti di bianco. Un buon modo per unire risparmio di budget ed estetica ...

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito di ARBA- 

Fotografie: Daniel Moulinet

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

 

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

 

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto 

Versione mobile