frendeites
comunità



Miguel Ángel Aragones : Rombo IV

Ti ricordi le favole in cui il cigno vergine è stato trasformato in una principessa sublime una volta che il sole tramonta? Racconti che hanno, sembra, cullato l'infanzia dell'architetto Miguel Ángel Aragones, che realizza una villa minimalista a Città del Messico (Messico) nascondendo le sue molte sorprese. Tutto vestito di bianco, la casa purificata risplende per la sua sobrietà alle luci di mezzogiorno. Ma quando cala la notte ...

Guidati spesso da un desiderio di estetica senza tempo e quasi totale purificazione, le residenze minimaliste a volte tendono a cadere in una standardizzazione sterile e ridondante. Un'osservazione fatta dall'architetto messicano Miguel Ángel Aragones che cerca, nel suo paese d'origine, di combinare design modernista e follia contemporanea attraverso Rombo IV, una villa di 1 102 metri quadri situata nel quartiere di Bosques de las Lomas.

7021nomini

L'edificio fa parte del complesso di "Los Rombos", composto da quattro corpi privati ​​tra cui uno studio e quattro case. Questi spazi sono collegati visivamente tra loro grazie a sapienti tagli geometrici e ad un trattamento minimalista assunto, prevenuto che non sfugge al quarto elemento di questo mini-quartiere. Distribuito su tre livelli, l'insieme di granito immacolato è caratterizzato da aperture grafiche e un grande miglioramento della luce naturale che penetra all'interno attraverso molte finestre e che si riflette all'esterno riflettendo su specchi d'acqua e sulle pareti chiare dell'edificio.

Il piano terra ospita salotti, organizzati attorno a una veranda a doppia altezza che conduce a un cortile triangolare circondato da una vegetazione lussureggiante.
Le tre camere da letto sono al primo piano. Quando la suite parentale dà su questa stessa corte, gli altri due penati si aprono su una terrazza con vista su uno stagno posto sopra il garage. L'ultimo livello è anche dominato da una piscina protetta su tutti i lati. Una serie di tagli sottili rivela la natura circostante e gode dei raggi del sole.

"Volevo un esterno che proteggesse la privacy, per essere visto solo dal cielo, dall'aria o dal sole; che la casa può essere abitata con solitudine. " Miguel Ángel Aragones, architetto

Un set ritmico e spoglio che dà un aspetto diverso al tramonto e funge da tela bianca dove il colore è benvenuto. Sempre occupando un posto centrale, la luce è questa volta meno discreta, che emana dai neon blu, arancione, viola, rosa o rosso, i cui raggi vengono a ridisegnare lo spazio. A differenza delle opere di Dan Flavin, queste luci sono governate da combinazioni specifiche che creano scenari studiati, dando una nuova dimensione al design minimalista.

«Meno è - non sempre - più»

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito web di Miguel Ángel Aragones

Fotografia: Joe Fletcher

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[Email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto

Versione mobile