frendeites
comunità



MAO : Centre socio-culturel Albert Schweitzer

Ritrovare i lettori e offrire una casa sostenibile e vivente alle associazioni in un polo urbano trascurato, una sfida? Eppure questo è l'esempio dello spazio Albert Schweitzer, recentemente rinnovato dall'agenzia MAO. Con 1 000 nuove registrazioni, la mediateca fa parte del centro socio-culturale di Dammarie-les-Lys (77), che ripristina il suo consenso alla cultura.

Situato ai piedi di due torri residenziali, un edificio di circa 6 000 metri quadrati degli anni 1990 riunisce la casa dell'associazione, la mediateca e il centro medico-psicologico della città. Il centro era precedentemente oscurato da una facciata in cemento prefabbricato, molto murata, e soffriva, per anni, di disprezzo e abusi. Questo è il motivo per cui gli architetti del Mobile Architectural Office (MAO), un ufficio di architettura parigino fondato da Fabien Brissaud in 2010, propongono per il progetto di ristrutturazione una cortina aperta, che riattiva una sana comunicazione tra l'edificio essenziale e i suoi dintorni. I vincitori del bando per i progetti organizzati dalla città, i tre architetti e il paesaggista dell'agenzia presentano soluzioni oneste, imbevute del luogo.

7040nomini

Accentuando i contorni dell'edificio, con un orizzonte valorizzato dal quadrato di nuova progettazione e un titolo evidenziato da un profilo in lamiera a forma di U, il complesso si dissocia definitivamente dalle due torri residenziali adiacenti.
Dall'esterno, le scale e le rampe di accesso che portano ai tre nuovi ingressi vengono ripulite da un piazzale in cemento, un prato e un filtro vegetale. Il vetro laccato e il frontale in acciaio inossidabile spazzolato agiscono come una pelle isolante che si sviluppa intorno all'edificio, tonica grazie alla presenza di alette profilate 25 larghe centimetri e pannelli di rivestimento ruggine.

Gli architetti rispettano la struttura iniziale ma semplificano la sua periferia. Offrono una facciata in vetro che risponde con i suoi turni e le sue ombre, la necessità di privacy e esposizione alla luce. Agisce come deterrente, prevenendo potenziali danni. Gli interni vengono puliti e, durante il processo, le talee vengono riciclate. Le parti distrutte producono una risorsa utilizzata per il riempimento del giardino, lo spazio di giardinaggio del mercato urbano e la rendita vitalizia, che ora avvantaggiano gli utenti della casa delle associazioni.
Soffitti alti, parti tecniche esposte e verniciate, pannelli acustici sospesi, tutti gli elementi strutturali sono rinfrescati ed esposti da questa pulizia. L'intervento di MAO consente alla nuova architettura di trovare una qualità del traffico e degli usi, oltre a fornire attrezzature pubbliche adeguate in un ambiente stimolante.

Prova che l'architettura fa rivivere anche l'orgoglio dei suoi abitanti.

Un'altra pietra ha messo in favore della cultura.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito web MAO

Fotografie: Cyril Lallement

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[Email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto

Versione mobile