frendeites
comunità



JTB.architecture et MaO architectes : 71 logements sociaux à La Courneuve

Sintomo della crisi degli alloggi di 1960 anni 4000 il Comune di La Courneuve (93) è diventato rapidamente uno dei punti sensibili della Seine Saint Denis, tra abbandono politico, violenza e degrado; un'osservazione che avrebbe atteso vicino a 50 prima di essere sfidata goffamente con la distruzione della barra Balzac in 2011. È in questo contesto complesso che i team di JTB.architecture e MaO architects intervengono oggi proponendo la costruzione dell'abitazione sociale 71.

Cinema "Due o tre cose che ho di lei" Jean-Luc Godard (1967), la vita nella città di 4000 non è una commedia. Metti sotto i riflettori in 2005, durante l'intervento di Nicolas Sarkozy promettendo di "Pulisci la città a Kärcher" in seguito alla morte di un ragazzo di 11 anni da proiettile vagante, il 4000 vedere la ristrutturazione iniziata nel 1986 lentamente accelerare, ma lasciando l'amaro in suoi abitanti che continuano a sentire l'abbandono da parte della politica.

La distruzione graduale degli edifici iniziò in 2004, rapidamente sostituita da barre HLM più piccole, certamente, ma ancora così strette. costruzione Balzac, l'epicentro dei quali aveva case 4000 307, fu distrutta nel 2011, a seguito della difficoltà incontrate dal consiglio comunale di costo del trasferimento di inquilini, che approfondisce solo la sensazione di abbandono di questi.

7064nomini

È in questo contesto piuttosto teso che inizia il progetto di JTB.architecture e MaO architects a spiegarlo "Costruire sulla 4000 City estate non può essere intrapreso senza un'analisi dettagliata delle aspettative comunitarie, culturali, economiche, urbane e architettoniche. Ciò dovrebbe evitare i fallimenti esistenti relativi a sviluppi del passato che non tengono conto del potenziale paesaggio e della sua appropriazione da parte dei residenti ". Un approccio che si traduce nella disposizione spaziale del nuovo complesso, in cui tutto è pensato in modo che i residenti possano appropriarsi del loro nuovo spazio vitale, non il contrario.

Su una superficie abitabile di 4 615 metri quadrati, coesistono diverse tipologie di abitazioni. Gli appartamenti si accampano sui lati opposti della trama, mentre le case occupano gli altri due, creando serie di scale, accentate da trattamenti di facciata che alternano legno, pietra e cemento bianco. Questa disposizione libera spazio nel cuore dell'isola, offrendo così la possibilità di inserire un orto di mercato di circa 150 metri quadrati delimitati dai locali tecnici che regolano anche il traffico. L'accesso al centro avviene tramite un ponte centrale con trattamento in mattoni moucharabieh, che serve tutti gli edifici.
Lo stesso trattamento è offerto alle ringhiere sui balconi Via edifici fino a R + 5, filtrando la luce ed elegantemente girando premendo quartiere "orizzontale", un modo per risolvere una volta per tutte con le vecchie torri . Collegando le abitazioni collettive tra di loro, le case di città - organizzate in duplex - sono allineate con larice e riscaldano l'Avenue Henri Barbusse.

L'apertura di un nuovo capitolo sembra prendere forma per gli abitanti di La Courneuve.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito web JTB.architecture et MaO architects

Fotografie: Luc Boegly

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[Email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto

Versione mobile