frendeites
comunità



Enia architectes : Église Saint-Joseph

I fedeli di Montigny-Lès-Cormeilles (95) beneficiano finalmente di un nuovo luogo di culto! I cristiani della città, che fino a quel momento si erano raccolti in un fatiscente edificio prefabbricato degli anni '1970, ora godono di un tempio luminoso e contemporaneo costruito dai team dell'agenzia Enia architectes. Torna a un progetto divino.

La costruzione della chiesa di Saint-Joseph fa parte della ripolarizzazione della parrocchia di Montigny-Lès-Cormeilles. I fedeli, che vivevano principalmente nella zona suburbana del comune, dovevano quindi spostarsi nella vecchia Montigny o essere soddisfatti di una cappella provvisoria del quartiere che si svolgeva in un edificio prefabbricato degli anni '1970, precario e arcaico.

È su questo terreno che i responsabili del progetto hanno progettato il nuovo luogo di culto: la chiesa di San Giuseppe, un luogo di culto modulare che può ospitare fino a 400 fedeli e comprendente anche uno spazio dedicato agli insegnamenti cattolici oltre a alloggi. Se gli architetti avevano carta bianca sull'estetica del progetto, hanno dovuto tuttavia fare i conti con alcuni vincoli: un terreno in pendenza, un'incapacità di costruire ai margini della strada e la necessità di rendere visibile il nuovo edificio da esso.
Le squadre di Enia erigono quindi una cornice nella parte inferiore della trama accompagnata da un campanile sul bordo del marciapiede che funge da segnale sul viale. Per quanto riguarda il sito del tempio, gli architetti scommettono su un'architettura raffinata, due monoliti immacolati alimentati da una moderna parete di vetro colorato firmata Thierry Boissel.

Gli utenti accedono al recinto attraverso un generoso nartece aperto sia sull'area della comunità che sulla navata di vetro che si affaccia su una vasta area verde. Composto da 200 posti costanti, il set modulare può raggiungere una capacità di 400 posti grazie a una galleria e sale riunioni trasformabili. Al secondo livello, sopra l'atrio, si trovano le sale per il catechismo e l'alloggio del sacerdote.
All'interno, il linguaggio architettonico si concentra anche sulla sobrietà, riscaldata dalla presenza del legno e dal colore fornito dalla vetrata di 120 metri quadrati composta da linee di varie tonalità. Un vero fiore all'occhiello dello spettacolo, questa parete traslucida è composta da pezzi di vetro strutturale, smaltati e poi impregnati due volte. Un'aggiunta luminosa impreziosita da una luce ambientale per illuminare la navata e l'altare.

L'esempio ideale di una costruzione religiosa radicata nella modernità.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Sito web degli architetti di Enia

Fotografie / illustrazioni: Epaillard + Machado

Zoe Térouinard

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

 

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

 

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto 

Versione mobile