frendeites

Fondato a Gentilly (94), l'hotel Jo & Joe firmato Jean Paul Viguier et Associés si è accumulato per la prima volta, inaugurando la costruzione di telai in legno presso il gruppo Accor e combinando vari tipi di alloggi in un unico concetto. Presentato come la combinazione di "Il meglio dell'affitto privato, hotel e ostello della gioventù", la nuova residenza di Ile de France sembra ricca di promesse. Cos'è veramente?

Succede a Jo & Joe d'Hossegor (40), il nuovo membro del gruppo Accor si svolge in avenue Paul-Vaillant-Couturier a Gentilly e vuole essere un'alternativa al colosso americano Airbnb, mettendo a dura prova il settore alberghiero da diversi anni. Rivolto ai giovani internazionali di tendenza, il progetto è affidato all'agenzia francese Jean Paul Viguier et Associés e mette i piccoli piatti in grande per sedurre questi ambiti millennial.

Primo vantaggio: una costruzione ecologica, che combina struttura in legno e tetti verdi e vegetali. L'edificio 6 000 metri quadrati su livelli 9, progettato in pianta ad U, ha una costruzione a secco trasversale costruzione in legno lamellare, un materiale a base biologica e riciclabile, contribuendo alla riduzione di carbonio e che forma un isolante prestazione termica migliore del calcestruzzo. Il set è poi decorato con un foglio di alluminio iridescente che trasforma la luce per tutto il giorno: giorno d'oro, le facciate sono tinte bluastre una volta la sera. Un gioco di luci accentuato dalla vita permanente del piano terra in gran parte vetrata e dall'installazione di lastre stampate retroilluminate all'ultimo livello.

Il set racchiude un giardino interno aperto a tutti la cui abbondanza di alberi da frutto segna la stagionalità offrendo al contempo una piccola vegetazione agli ospiti e ai passanti, cosa piuttosto rara nella regione parigina da sottolineare. Questa relazione esterna continua sui tetti in gran parte vegetati e sulle terrazze piantate al settimo piano.

E per attirare le giovani generazioni di viaggiatori, Jo & Joe scommette su un concetto ibrido che offre diverse opzioni penate: un dormitorio classico, una stanza condivisa che può essere privatizzata e cabine. Allontanandosi dalla classica residenza di vacanza, il progetto tende ad avvicinarsi agli ostelli della gioventù la cui cordialità e prezzi contenuti continuano ad attrarre gli under 30. Con i suoi 612 posti letto per 85 camere, ilcasa aperta moltiplica le aree comuni - bar, ristorante e spazi esterni - permettendo ai viaggiatori di ogni ceto sociale di scambiarsi informalmente e quindi cambiare le loro prospettive.

Il design degli interni, affidato all'agenzia britannica Penson - che include sedi di Google o YouTube - è una continuazione della versione pilota delle Landes. In alternanza tra legno, cemento e acciaio, i diversi spazi si trovano a metà strada tra la ex fabbrica, lo squat di Berlino e la galleria d'arte urbana.

Un progetto che regala un secondo vento al mondo dell'ospitalità.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito web di Jean Paul Viguier et Associés

Foto: Takuji Shimmura



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE