frendeites

È per la città di Villejuif (92) che il duo formato dagli architetti Claire Garcia Barriet e Alejandro Garcia Marta, a capo di Overcode, ha completamente reinventato la biblioteca pubblica. Chiamato PULP per le piccole unità di lettura pubbliche, il progetto include due unità mobili e prefabbricate simili, ognuna delle quali ospita una biblioteca locale. Ritorno sulla storia di questa innovativa attrezzatura pubblica.

Il team della rete di lettura pubblica di Villejuif ha inventato il concetto PULP per sviluppare l'offerta culturale su tutto il territorio comunale. Desiderando rispondere nel miglior modo possibile alla domanda della città, i team dell'agenzia di architettura e urbanistica Overcode hanno quindi immaginato un'architettura leggera di 220 metri quadrati, facilmente rimovibile e mobile, potendo così adattarsi a qualsiasi quale sito.

Ognuna delle due librerie PULP è costituita da una cornice in legno, una busta in legno e sette moduli rettangolari, sfalsati l'uno dall'altro in pianta e altezza per creare la volumetria così particolare per l'architettura. La nidificazione dei moduli varia in base al sito scelto e all'orientamento desiderato, permettendo così ogni volta di ottenere una libreria con la propria identità. Così pensato, l'edificio è organizzato all'infinito.

L'interno, progettato secondo la struttura modulare dell'architettura, è suddiviso tra gli spazi di servizio - deposito, sanitari, locali tecnici -, accessibili da un ingresso dedicato, e la biblioteca, il cui layout flessibile consente di massimizzare il spazio secondo le attività e gli eventi proposti dai bibliotecari.

Situato a nord e sud di Villejuif, i due PULP invitano tutti i Villejuifois a trarre vantaggio da un'offerta di lettura diversificata.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito Overcode

Fotografie: © David Foessel

Léa Pagnier

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

CUPACLAD: rivestimento durevole ed estetico in ardesia naturale