frendeites

L'agenzia Damien Carreres di Lione ha appena creato un interno colorato per il ristorante Le Miraflores a Lione. In questa occasione, la redazione di Muuuz ha incontrato il fondatore dell'agenzia, Damien Carreres.

Muuuz: Dal 2004, ti stai evolvendo nel mondo dell'architettura d'interni. Come descriveresti il ​​tuo approccio?
Damien Carreres: In agenzia, stiamo sviluppando un approccio abbastanza globale alla nostra attività. Realizziamo sempre progetti su misura, sia progetti residenziali privati ​​come case, appartamenti e chalet, sia progetti pubblici come negozi, hotel o ristoranti. L'approccio è sempre lo stesso: cerchiamo di soddisfare al meglio le aspettative degli sponsor per raggiungere uno stile di vita o un obiettivo commerciale. Si tratta di capire come vivranno i futuri proprietari o clienti nel luogo. Favoriamo un approccio contestuale piuttosto che concettuale. Una volta capito chi è il posto, la nostra idea diventa chiara. L'ergonomia, il volume architettonico, la decorazione seguono naturalmente.

Come definiresti il ​​tuo processo creativo?
Prima di ogni progetto, cerchiamo di capire cosa vogliono gli sponsor - una coppia, una famiglia o un marchio. Facciamo un punto d'onore per non cadere nella trappola delle tendenze effimere per progettare luoghi senza tempo. Per il ristorante stellato Michelin Le Miraflores, ad esempio, abbiamo prima cercato di comprendere il viaggio dello chef stellato peruviano Carlos Camino e l'essenza del suo know-how. Il posto comprende due entità, la brasserie contemporanea YKA e il ristorante gourmet Miraflores. La brasserie è uno spazio dinamico caratterizzato da una barra laccata retroilluminata blu. Assapora deliziosi cocktail e ceviches peruviani tradizionali. La tavola gastronomica, nel frattempo, offre un gusto e un viaggio olfattivo in Perù. La storia dello chef e i sapori della sua cucina sono evocati nei minimi dettagli della decorazione. Le vele sono sospese al soffitto per fare eco alla pesca, un'attività molto importante in Perù. Quindi articoliamo il design di un luogo e la sua decorazione attorno ai valori degli sponsor. La nostra visione del tailor made risiede in questa relazione che instauriamo con ciascuno dei nostri clienti. Per i progetti privati, mettiamo in dubbio il modo di vivere degli sponsor: come vivrà la casa nel tempo? In che modo i membri della famiglia o della coppia si organizzano quotidianamente a casa? Supportiamo i proprietari dalla riorganizzazione spaziale alla decorazione, attraverso la scelta dei materiali, al fine di trasformare lo spazio in un luogo molto più piacevole in cui vivere. Il nostro approccio è profondamente umano.

Dove lavori
Oggi lavoriamo ovunque in Francia, ma anche all'estero. Abbiamo immaginato l'interno di una casa a Barcellona in Spagna e lo spazio di un affascinante hotel - soggiorno di yoga e kitesurf - a Dakhla, nel sud del Marocco.

Sviluppa anche raccolte di oggetti e fornisci una direzione artistica per determinati luoghi. Come scegli le tue collaborazioni?
Abbiamo pubblicato una collezione di oggetti chiamata "Bôme" per Matières Grises, uno studio che progetta e produce mobili per esterni. La collezione, progettata attorno alla modularità e alla personalizzazione, comprende una barra di legno o di alluminio su cui è possibile appendere contenitori come scatole, fioriere o scaffali. Questa collaborazione è nata da un'idea, che era stata sviluppata durante la creazione del ristorante Fruisy, ma che all'epoca era rimasta in fase di pianificazione.
Dal lato della direzione artistica, giochiamo un ruolo importante nella concezione dell'identità di determinati luoghi. Per i ristoranti, abbiamo prodotto il logo, le carte e gli abiti dei camerieri. Per il ristorante L'Interlude, ad esempio, abbiamo deviato la tela tradizionale Jouy e abbiamo prodotto una carta da parati molto originale su cui sono rappresentate figure e oggetti emblematici della città di Lione. Nulla è lasciato al caso.

Parlaci della tua associazione con David Beltramelli nel 2016?
Mi è sempre piaciuto condividere. David Beltramelli ha iniziato in agenzia come stagista, quindi come dipendente. La nostra associazione venne quindi naturalmente. Il team è anche composto da tre personalità di talento, due designer di interni, Juliette Dif e Laury Petit Jean, oltre al decoratore Margot Carreres, ex stilista. Insieme, lavoriamo per soddisfare al meglio le aspettative dei nostri clienti, dando ciascuno uno sguardo personale a loro.

Potresti dirci una parola sui tuoi ultimi due successi, il Châteaux de Combloux e l'appartamento di Lione?
A Combloux, abbiamo decorato tre chalet vicini per proprietari diversi. Per ogni chalet di 700 metri quadrati, abbiamo pianificato un rinnovamento che privilegia il rustico rispetto al contemporaneo, perché gli sponsor volevano sentirsi in montagna. Gli chalet sono stati rinnovati per motivi di autenticità, ma con alcuni tocchi contemporanei. Ad esempio, le travi delle colonne sono visibili, ma la retroilluminazione e gli apparecchi sono contemporanei. In questi tre chalet, anche le stanze sono state progettate a misura d'uomo. All'agenzia prendiamo il pregiudizio dell'umano, quindi i nostri risultati sono sempre proporzionati alla dimensione umana.
A Lione, abbiamo trasformato un appartamento nel 6 ° arrondissement in un bozzolo di famiglia per due anni sessanta. L'appartamento è stato completamente pensato nell'immagine di questa bellissima coppia di viaggiatori appassionati di design. Lo spazio dell'appartamento è stato organizzato in base allo stile di vita e ai desideri degli sponsor. È flessibile per una vita di due o più, perché i proprietari volevano essere in grado di ospitare i loro nipoti. L'alcova in legno in cucina, simile allo scafo di una barca, conferisce una dimensione amichevole alla stanza, mentre l'ufficio con la sua parete di vetro che si affaccia sul soggiorno è una stanza che è al contempo riservata e aperta soggiorno. Qui, gli spazi sono tanto caldi quanto intimi.

In molti dei tuoi progetti "Luoghi pubblici" come Le Miraflores o la Clinica di chirurgia estetica Saint-Etienne, lavori sull'associazione di colori vivaci. Perché?
I colori non sono banali. Ti consentono di creare prospettive, energizzare un luogo o rivelare spazi. In molti progetti, il colore porta molto nella decorazione. Nei luoghi pubblici, viene utilizzato per una firma visiva, perché serve a sorprendere e sfidare i potenziali clienti. L'impatto visivo è importante. Nei progetti privati, i colori sono presenti, ma usati con parsimonia.

Quale sarebbe il tuo progetto da sogno?
Vorrei fare un kebab di fascia alta, con un vero lavoro di riflessione sullo spazio, la sua identità e le sue dinamiche.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Sito web dell'agenzia Damien Carreres.

Fotografie: 1) Ritratto di gruppo © Sabine Serrad
2) Miraflores © Sabine Serrad
3) Ritratto associato © Sabine Serrad
4) Chalet de Combloux © Erick Saillet
5) YKA © Sabine Serrad
6) YKA © Sabine Serrad
7) Miraflores © Sabine Serrad
8) Miraflores © Sabine Serrad
9) Miraflores © Sabine Serrad
10) Chalet de Combloux © Erick Saillet
11) Appartamento Lyon 6th arrondissement © Sabine Serrad
12) Clinica estetica © Sabine Serrad

Léa Pagnier



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

I più letti

1

Un nuovo posto di lavoro per RATP Habitat

2

Una villa sulle alture di Ibiza

3

Il duo di designer di Studioparisien

Infarto !

Vincitore MIAW 2021: Portapivot: Mini-Max