frendeites

I luoghi culturali presentano un'architettura minimalista e danno quindi un posto d'onore alle arti e alle opere presentate. Questa settimana il team editoriale di Muuuz ti invita a scoprire quattro nuovi luoghi culturali, musei e centri d'arte, che si distinguono per la loro raffinata architettura.

Il centro di interpretazione romanico
Lo studio portoghese di architettura e design Spaceworkers, fondato dagli architetti Henrique Marques e Rui Dinis, e dalla consulente finanziaria Carla Duarte, progetta un edificio interamente in cemento per ospitare il Centro di interpretazione romanico. Situato nella città di Lousada in Portogallo, questo edificio è una reinterpretazione del vocabolario tradizionale dell'architettura romanica.

.

Il progetto Centre Pompidou x West Bund Museum
Dopo la sua fondazione a Malaga, poi a Bruxelles, il Centro Pompidou viene esportato a Shanghai in Cina. Dopo l'inaugurazione dell'edificio costruito da David Chipperfield, il museo ha appena aperto le sue porte al pubblico sabato scorso. Torniamo alla genesi di un progetto su larga scala che promuove scambi culturali ed economici tra Francia e Cina. È sulla riva nord del fiume Huangpu che sorge la teca di vetro creata dall'architetto britannico David Chipperfield. Installato su una spianata sopraelevata delimitata da un parco, l'edificio di 25 metri quadrati è diviso in tre volumi separati e lineari, organizzati attorno a una sala centrale con un atrio a doppia altezza.

.

Il Museo cantonale di belle arti di Losanna
Mentre in precedenza occupava il Palais de Rumine, il MCBA - Museo cantonale di belle arti di Losanna (Svizzera) ora ha il suo edificio, un monolito con accenti brutalisti di Barozzi-Veiga. Situato nel centro della città, il set mira a dare vita a un nuovo distretto artistico: Platform 10, che alla fine riunirà il MCBA, il Museum of Design and Applied Arts (MUDAC) e il Museo Élysée , uno stabilimento dedicato alla fotografia.

.



Il MECA
Il trio degli architetti parigini Freaks e i team dello studio danese Bjarke Ingels Group portano la città di Bordeaux (33) in una spirale creativa con il MÉCA, un centro culturale neo-aquitania di 18 metri quadrati sulla riva sinistra del la bella addormentata. Bordeaux è così intossicata dalla cultura con il MÉCA, il suo nuovissimo tempio dell'arte. Investita dal Fondo Regionale per l'Arte Contemporanea e da due agenzie dedicate al teatro e al cinema, questa Casa di economia e cultura creativa nella regione della Nuova Aquitania deve il suo imponente edificio all'agenzia danese BIG, costruita nel collaborazione con lo studio francese Freaks.

editoriale



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

I più letti

1

f + f architetti: a 160 m2, avenue Trudaine a Parigi

2

Nuovo indirizzo: 106 bis rue Saint-Lazare, Parigi 8

3

83 Marceau: il design al servizio dell'uso di Ana Moussinet

Infarto !

Bette si prende cura di te con BetteAnti-Slip Sense