frendeites

Dopo due anni di progettazione e quattro anni di lavoro, la Gare Montparnasse si è trasformata. Grazie al suo tetto in vetro metacrilato che troneggia sopra la sala Vasarely, l'emblematico edificio diventa un vero pozzo di luce ... 

Le specifiche richiedevano di rendere più funzionale la stazione e di rispondere al continuo aumento del numero di utenti (77 milioni di visitatori all'anno e 90 milioni nel lungo periodo). D'ora in poi, la stazione che promuove l'intermodalità, fa entrare la luce e si apre sulla città. 

Qui il cemento scompare mentre la scala elimina lo schiacciamento per rivelare un'architettura leggera in maestosità e offrire così una trasparenza cardinale. La vista su Parigi, la luce, la trasparenza... Tutti questi elementi diventano una bussola per il viaggiatore che arriva e che individua istintivamente le uscite, la metropolitana, i negozi...

La luce attuale arriva poi ad irrigare la stazione fino al livello della piazza e migliorare così la sensazione di spazio; guida facilmente lo sguardo del viaggiatore.

La passerella, pura aerea, offre una passeggiata con pavimento in vetro di 330 metri e permette alla luce di scendere nelle zone basse sotto il soffitto fino al piano terra. Una struttura (di 4 blocchi da 15 a 20 tonnellate), una vera impresa tecnica degli ingegneri di HDA (Hugh Dutton & Associés), specialisti in costruzioni in vetro e metallo. Un'opera d'arte composta da travi metalliche e pannelli di vetro che è stata realizzata nell'Alta Loira dall'azienda orafa Gagne del settore.

La passerella ne accentua l'aspetto scultoreo e dinamico mentre le tramogge attraversate dalla luce alzano lo sguardo del viaggiatore e della guida. Grazie a queste lacune, la luce naturale inonda l'edificio... Un oggetto straordinario di 15 metri di diametro e 660 kg in alluminio disegnato da Patrick Jouin...

 

Informazione chiave:

Architetto: Sanjit Manku 
 
Designer: Patrick Jouin "eJouin Manku
 

Jouin Manku Project Team: Yann Brossier, Mathias Debien, Bruno Pimpanini, Axel Mak, François Isone

Stazione appaltante associata: SNCF Gares & connection / Altarea Commerces

Design: Altaarea / JOUINMANKU

Gestione del progetto: AREP / JOUINMANKU / SLA

Progettista illuminotecnico: L'Osservatorio Internazionale

Ingegneri: Jacobs (fase di studio), Builders (fase ex) e SLA Architecture, Atelier TESS (negozio), Hugh Dutton & Associés (gateway)

Appaltatore generale: Dumez (agente), Axima, Inéo e SBM

Aziende e artigiani: Gagne Construction Métallique, Setal Structure Aluminium, Odeli Lighting Factory, Métal Creation, Augagneur, Saga (mobili)



Visual : © Eric Laignel

 

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito web dell'agenzia Jouin Manku.

 

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

CUPACLAD: rivestimento durevole ed estetico in ardesia naturale