frendeites
comunità



Portrait : Paola Siri Renard

Laureata all'École Nationale Supérieure des Beaux-Arts di Parigi nel 2017, Paola Siri Renard (classe 1993) realizza opere simili a “micro architetture”, talvolta attivate grazie a corporeità differenti.

Paola Siri Renard difende una pratica molto personale della scultura. Per ottenere forme scultoree specifiche, il giovane artista lavora con diversi materiali - vetro, marmo, metallo o resina - utilizzando “architetture e disegni invisibili”. Nei suoi primi giorni, ha raccolto misurazioni da diversi registri scientifici e le ha iniettate nel suo processo di creazione, come nel suo gioco Profondità 37 chilometri (2017) prodotto durante la sua residenza a Tokyo dai dati relativi a un terremoto, nella sua scultura Peso della luce, peso del nero (2016) creato al CIRVA grazie al sostegno della Fondazione Hermès o nella sua scultura 60 cm <2 h + g <64 cm (GRADINI) (2017) dove decostruisce la formula di Blondel. Contrariamente a un'apparente possibilità creativa, l'artista utilizza misure specifiche che lei chiama "dati astratti" e le trascrive meticolosamente fino a dare loro una forma artistica concreta.

È stato esponendo il suo lavoro alle Belle Arti di Parigi durante i suoi studi che Paola Siri Renard ha preso coscienza della "dimensione corporea evidente" dei suoi pezzi. Da allora ha creato sculture on-site o autonomo, che implica sempre relazioni tra corpo, materia e spazio, poiché il corpo diventa il soggetto stesso dell'opera. Lavoro di transizione, il suo pezzo in resina Senza titolo Récamier (2017) si riferisce alla poltrona LC4 da Le Corbusier per la sua forma e Modulor per le sue dimensioni, ma evoca anche le languide donne della pittura. Sedersi su questa chaise longue significa vivere l'esperienza scomoda e dolorosa di questi modelli che hanno attraversato la storia dell'arte.

Più radicale, la sua scultura Amore per i dettagli (Who Means Well?) (2019) è un mezzo di performance, che spinge l'idea dell'artista di coinvolgere il corpo al suo apice. Ingrandimento di una voluta corinzia, le cui linee sono state ispirate sia dalle foglie d'acanto - una pianta ermafrodita - che dalle curve del corpo. Questo pezzo antropomorfo, lungo oltre quattro metri, è stato progettato per essere associato a varie interazioni e performance. Questi scambi si traducono in una scultura vivente e ritualizzata, la cui attivazione rompe con la scultura classica. L'approccio alle opere di Paola Siri Renard è sensibile. Con lei la scultura diventa un'estensione del corpo, una forma che può essere compresa fisicamente.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Sito web di Paola Siri Renard.

Immagini: © Paola Siri Renard

scrittura

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

 

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

 

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto 

Versione mobile