frendeites

L'agenzia Gelpi Projects immagina un quadro abitabile a forma di padiglione, giocando con i confini tra arte e architettura.

 

 

In un edificio industriale a Detroit, due volumi simmetrici in legno sono costruiti su un telaio mobile. Aperti, interagiscono con il loro ambiente. Chiusi, immergono il visitatore in un universo colorato le cui innumerevoli bande di dipinti si mostrano dall'esterno attraverso una serie di linee alimentate a forza.

"Il risultato è una figura ambigua, quasi una casa, quasi un dipinto, una scultura, forse, ma non del tutto la dimensione giusta" Gelpi Progetti


Il padiglione mette in discussione le modalità espositive tradizionali e ribalta la gerarchia tra opera e medium: il dipinto non è più appeso al muro, è il muro che emerge dal dipinto. Rappresenta così lo stretto rapporto che unisce l'artista e l'architetto, dovendo integrare l'uno il lavoro dell'altro nella propria composizione.

Foto: Gelpi Progetti / Ryan Debolski

Per ulteriori informazioni, visitare il sito web Gelpi Progetti.



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

CUPACLAD: rivestimento durevole ed estetico in ardesia naturale