frendeites

Dopo due mostre personali, "Uma Historia de formas quebradas" e "7/7" a La Junqueria (Lisbona) nel 2018 e "Soudure et Mayonnaise" alla Galerie Thomas Bernard (Parigi) nel 2020, è tempo per il Palazzo da Tokyo per presentare il lavoro dell'artista contemporaneo Kevin Rouillard in un nuovo evento culturale chiamato "La Grande Muraglia". Allo stesso tempo, scultore e archeologo del presente, Kevin Rouillard registra la sua pratica artistica in un incredibile processo di recupero. Zoom su un artista plastico, che sembra mettere in discussione, con i suoi grandi assemblaggi di materiali, la stessa pratica artistica: come creare oggi alla luce della crisi ecologica?

Dopo essersi diplomato all'École nationale supérieure des beaux-arts de Paris nel 2014, Kevin Rouillard (nato nel 1989) si è rapidamente trovato. Nel 2014, è stato esposto in diverse mostre collettive - "A couteaux tirés" alla Friche Belle de Mai, (Marsiglia) e "Empiristes" a Villa Emerige (Parigi) nel 2015 - o personale - "Collision" presso il Chimney gallery (New York) e "Extract (sheet metal, shock) Barricade" presso L'Assaut de la menuiserie (Saint-Etienne) nel 2017. Ha anche vinto il premio François de Hatvany Foundation nel 2015, poi il SAM Art Prize nel 2018 Oggi vive e lavora a Marsiglia.

Scultore contemporaneo, Kevin Rouillard sviluppa un processo creativo unico: crea grandi assiemi di fogli monocromatici da oggetti raccolti come lattine, bruciati o aperti. Questi pannelli metallici molto visivi evocano sia il settore dei lavoratori che la circolazione delle merci in un'economia globalizzata. L'artista della plastica racconta il punto di partenza del suo lavoro e il suo modo di lavorare con il materiale in questi termini: “Un giorno, i miei genitori mi hanno visitato a Marsiglia: cercavano lattine per spedire cose a Capo Verde. […] Questi contenitori rimasero per un po 'in officina. Dopo la loro spedizione, viene organizzata un'intera catena di riciclaggio di questi contenitori. Il contenitore viene smantellato al punto di entrare nella composizione di altri oggetti o persino elementi architettonici. Gli artigiani tagliano, martellano, appiattiscono la lamiera in un modo abbastanza simile a quello che faccio al mio fianco. "

Lungi dal raccogliere ossessivamente oggetti, Kevin Rouillard li cerca, li recupera, li studia e li lavora alla maniera dei riciclatori artigiani. Durante il suo processo di creazione, l'artista li trasforma in superfici piatte colorate e si appropria delle sue scoperte. Gli oggetti così metamorfosi vengono reinventati e svelati agli occhi degli spettatori, mentre attestano, nella cavità, l'onnipresenza degli oggetti nella società consumistica di oggi.

Con la mostra “The Great Wall” organizzata nell'ambito della prima parte della stagione Fragmenting the World, Kevin Rouillard trascrive simbolicamente la propria visione del Messico attraverso monumentali assemblee metalliche al fine di offrire un altro livello di lettura contestuale Geopolitica messicana. Ha davvero immaginato le opere presentate al Palais de Tokyo durante un soggiorno in Messico, e quindi evoca con queste opere la barriera Stati Uniti-Messico.

Per ulteriori informazioni, visitare siti Palais de TokyoGalleria Thomas Bernard.

Fotografie: Viste della mostra “Le Grand mur” di Kevin Rouillard, Palais de Tokyo (21.02 - 17.05.2020) © Marc Domage

Léa Pagnier



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

I più letti

1

Un nuovo posto di lavoro per RATP Habitat

2

Una villa sulle alture di Ibiza

3

Il duo di designer di Studioparisien