frendeites

In occasione di questa mostra, il Museo delle Belle Arti Antoine Lécuyer rende omaggio a uno scultore al centro della ricostruzione e vi invita a scoprire un libro sull'argomento. La mostra è visitabile fino al 18 settembre 2022.

Uno dei principali rappresentanti dell'Art Déco, Alfred-Auguste Janniot (1889-1969) è stato senza dubbio il più grande scultore architettonico degli anni '30, quindi i curiosi possono venire a scoprire (o riscoprire) le sue creazioni. Sculture che costituiscono il patrimonio storico di molte città francesi: da Parigi a Strasburgo e Bordeaux. 

In occasione dell'evento è prevista anche l'uscita di un libro dalle Edizioni Norma. Al di là dell'impronta che lascia sull'eredità francese, l'artista ha realizzato numerosi progetti architettonici in tutto il mondo: il municipio di Puteaux (1932-1934), la Camera di Commercio di Châteauroux (1934), l'ingresso della Maison de la France al Rockefeller Center di New York (1934), al Bordeaux Labour Exchange (1935-1938). 

Nel 1936, al culmine della sua carriera, disegna anche i due grandissimi bassorilievi per la spianata del Palais de Tokyo, eretti per l'Esposizione delle Arti e delle Tecniche del 1937. Il libro ripercorre la storia di questo artista, che segnò la storia dell'arte e dell'architettura con il suo talento.

Un talento che il mondo non deve dimenticare.

 

“Alfred Janniot (1889-1969). Dallo studio al Monumentale »

Fino al 18 settembre 2022

Museo delle Belle Arti Antoine Lecuyer

28 Rue Antoine Lecuyer

02100 Saint-Quentin

 

Scultura: Museo Permanente delle Colonie, architetto Albert Laprade, scultore Alfred Janniot, 1931. Facciata principale, parte destra, Indocina-Cocincina. 

Copertina del libro: Museo Permanente delle Colonie, architetto Albert Laprade, scultore Alfred Janniot, 1931. Facciata principale, parte destra, Indocina, particolare.

 

Immagini ©: Pascal Lemaître

 

 

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE