frendeites

Onirici, colorati, figurativi o astratti, le carte da parati alla moda del 2020 hanno iniziato a risvegliare i nostri interni. Zoom su quattro raccolte di sfondi per avere assolutamente a casa.

Dahlia Subasi ha studiato scienza e medicina prima di dedicarsi all'architettura e al design. Oggi combina le sue conoscenze scientifiche con l'amore per la bellezza per creare oggetti eco-responsabili con micelio di funghi e materiali naturali. Incontro con un designer impegnato nella lotta per la protezione dell'ambiente.

Dalla creazione del loro studio nel 2013, Apolline Couverchel e Gauthier Haziza hanno scritto installazioni poetiche e avviato progetti folli. Incontra questo duo che comanda ammirazione.

Per quattro anni, il designer americano Evan Fay ha sostenuto un approccio personale al design creando mobili scultorei unici.

Co-fondatore e direttore dell'Atelier Sauvage, ebanista e designer Albane Salmon disegna e produce oggetti in legno massiccio a metà strada tra scultura e ebanisteria, giocando così la carta della creatività.

Il designer Patrick Norguet ha collaborato con la società francese specializzata nel layout Postforming per produrre una collezione originale di schermi. Chiamata "SEE U", la serie risponde elegantemente alle nuove esigenze di organizzazione spaziale legate all'attuale situazione sanitaria.

Laureato all'Università di Hongik (Corea del Sud), il designer sudcoreano Jihye Kang immagina mobili minimalisti con sorprendenti effetti di luce e riflessi iridescenti.

Considerata a lungo antiquata, la carta da parati sta facendo un clamoroso ritorno nei nostri interni, in particolare grazie a nuovi design ispirati a marchi specializzati. Una svolta che il marchio italiano Wall & deco ha preso con brio dalla sua collezione CWC - per Contemporary Wallpaper Collection - propone modelli unici, che vanno dai rivestimenti vintage alle carte da parati grafiche, compresi i pannelli adatti per l'esterno. Zoom sui muri che hanno carattere!
Mostra più
Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE