frendeites

Vivaci ristoranti, boutique alla moda, musei e gallerie d'arte ... Bruxelles vibra al ritmo del design e della creazione. Dopo un fine settimana trascorso nella Capitale d'Europa, la redazione di Muuuz offre una panoramica degli indirizzi essenziali della capitale belga, dai grandi spazi culturali ai luoghi più festivi.

Un ristorante: Café Flora
Luogo mitico installato sulla piazza di Place Saint-Gilles, Café Flora è il nuovo indirizzo alla moda della capitale, che aveva già attirato l'attenzione degli editori . Lo storico bistrot è stato infatti rinnovato grazie alla collaborazione tra decoratore e designer Lionel Jadot - a cui si deve la creazione di Ateliers Zaventem - e Atelier J&J - studio di progettazione e produzione di mobili di design. Il tandem riabilita con successo il vecchio Aegidium. Il designer belga sceglie di mantenere il suo stile anni '30 dell'auditorium aggiungendo un tocco contemporaneo. L'arredamento, ispirato al mondo dei caffè milanesi, mescola mobili colorati e motivi pop. Ideale per un drink intorno a deliziose tapas, il posto è ora tornato al suo antico splendore.

.

Uno spazio culturale: Bozar
A due passi dal Mont des Arts, il Palais des Beaux-Arts, ora noto come BOZAR, è uno spazio culturale multidisciplinare con un programma variegato - concerti, mostre, spettacoli e altri eventi artistici - installato nel capolavoro firmato Art Nouveau Victor Horta. Quest'anno, in occasione del festival EUROPALIA, BOZAR celebra il lavoro di Constantin Brancusi. La retrospettiva riunisce per la prima volta a Bruxelles i capolavori dello scultore rumeno - Il Bacio, Piombo, Musa addormentata - e le creazioni dei suoi contemporanei, da Marcel Duchamp a Man Ray. Un'entusiasmante mostra monografica che ci porta nella riflessione di Brancusi su scultura, spazio e rappresentazione.

.

.

Un hotel: Jam Hôtel
Ospitato in ex uffici, il Jam non è un hotel classico. Mescolando generi e stili, questo è il pregiudizio di Lionel Jadot, che firma la decorazione dell'hotel, e dell'agenzia Olivia Gustot Architects, che realizza la ristrutturazione dell'edificio esistente. All'esterno, la facciata è stata completamente rinnovata e i tetti sono stati convertiti in spazi condivisi tra cui una terrazza su due livelli e una piscina riscaldata aperta tutto l'anno. Tra l'ostello della gioventù di fascia alta e l'hotel alla moda, il Jam dispone di 80 camere, che vanno da 1 a 18 letti, che hanno mantenuto lo stile industriale dell'edificio originale. La decorazione interna del piano terra e il tetto affidato a Lionel Jadot giocano la carta dell'eccesso. Famoso, il ristorante dell'hotel, porta i suoi clienti in Italia con pizze napoletane, burrate cremose e vini italiani. Al centro della stanza si trova un'installazione luminosa immaginata dallo Studio Elementaires. La marmellata offre quindi un'esperienza olfattiva e gustativa.

.

Una galleria: Eleven Steens
Una giovane galleria aperta nella primavera del 2019, Eleven Steens è un vasto spazio culturale dedicato alla creazione contemporanea internazionale. Il curatore Jean-Marc Dimanche, responsabile della direzione artistica e del curatore generale del centro culturale, promuove la creazione giovane attraverso un programma multidisciplinare e trasversale che privilegia l'arte, il design, la moda e 'architettura. Inaugurata in occasione del BRAFA, la mostra speciale Art & Craft "MATERIAL (S) / MANIFESTE" presenta fino al 15 marzo il lavoro di artisti contemporanei che lavorano in particolare con il legno, la ceramica, i tessuti e il metallo. . Teatro della Luce, la galleria si sviluppa su quattro livelli, ciascuno di circa 400 mq, aperti sulla strada. Per la prima mostra dell'anno, il centro guida la nostra passeggiata dedicando i primi tre vassoi all'esposizione di creazioni in legno, ceramica e tessuto. L'ultimo piano ospita il mostra personale dal designer Johan Viladrich, che crea oggetti minimalisti con materie prime industriali come metallo e polimeri. Arazzi, sculture, mobili o persino installazioni ci invitano a scoprire il design emergente. Qui, la galleria di Bruxelles invita il pubblico a prendere il tempo per comprendere le possibilità artistiche del materiale.

.

Un negozio: modelli
Tra oggetti vintage e mobili contemporanei, il negozio Patterns mescola epoche e stili. Qui, le creazioni di giovani designer europei si fondono con pezzi classici. Situato nella parte superiore della città tra Place du Châtelain e il museo Victor Horta, lo showroom è allestito in uno spazio luminoso con un arredamento raffinato che diventa lo scenario per la selezione di luci, sedili, tavoli e oggetti d'arte raccolti con gusto da Christian Giraudo.

.

Un centro culturale: centro di incisione e immagine stampata
Situato a La Louvière, non lontano dalla capitale, il Centre for Engraving and Printed Image organizza mostre temporanee che mostrano la diversità della creazione moderna e contemporanea. Dopo due retrospettive dedicate alle artiste, Louise Bourgeois e Françoise Pétrovitch, il museo organizza la prima monografia belga dedicata all'artista visiva americana Kiki Smith (nata nel 1954). Fino al 23 febbraio, più di cento disegni, stampe, collage e sculture rivelano le molteplici sfaccettature del suo lavoro sincretico. La mostra "Kiki Smith, Between dog and wolf" presenta infatti l'universo plurale dell'artista. Impronta di leggende ancestrali o favole meravigliose, il suo lavoro è attraversato da un femminismo militante, un mondo incantato e una riflessione sulla morte. Se rimane relativamente sconosciuta al grande pubblico, Kiki Smith oggi appartiene a questa generazione di artiste donne che hanno aperto la strada all'arte femminista.

.

Uno spazio artistico: MAD Bruxelles
MAD a Bruxelles è una scuola, un luogo in cui le persone condividono pensieri, conoscenze e pratiche nella moda e nel design. Attualmente, questo hub creativo espone l'installazione di Triclinium prodotta da Caroline Wolewinski e Sandro Della. Come suggerisce il nome, il pezzo è un viaggio nel cuore dell'estate. Tre comode panchine verdi, su cui è possibile sedersi o sdraiarsi, tavolini di servizio, pareti blu Majorelle brillanti, ceramiche fantasiose o persino piante creano l'arredamento di questa fantastica oasi. Per Triclinium, il duo ha vinto il premio Visual Merchandising al Design Parade di Tolone nel 2019.

Fotografie: 1) © Johan Viladrich
2) DR
3) Brancusi Constantin, Muse endormie, 1910 © Centre Pompidou, MNAM-CCI, © Sabam Belgio, 2019
4) © Jam Hotel
5) © Johan Viladrich
6) Â © Patterns
7) Kiki Smith, Burattino, 1993-1994, Coll-CGIi
8) Caroline Wolewinski e Sandro Della Noce, Triclinium, 2019 © Alexandra Bertels

Léa Pagnier



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

CUPACLAD: rivestimento durevole ed estetico in ardesia naturale