frendeites

Il designer coreano Chiho Cheon immagina una serie di mobili realizzati in cartone ondulato, cemento e lacca. Ispirato ai senzatetto di Seoul (Corea), reinterpreta i materiali della stazione nella sua città natale e la sistemazione improvvisata dei suoi abitanti meno abbienti. Un progetto colorato che nasconde un'importante dimensione sociale.

Se la collezione "Criteria" appare come un insieme positivo e colorato, mette in dubbio anche ciò che il designer chiama "la differenza unidimensionale" tra i senzatetto e coloro che hanno un tetto sopra la testa. Questo bordo si manifesta in particolare attraverso le pareti di cemento.

“Le persone che vivono circondate da mura di cemento sono considerate persone normali e quelle che vivono fuori sono senzatetto. I muri di cemento sono i criteri dell'ordinario. " Chiho Cheon, designer

Composta da una seduta, un tavolino e un tavolino da caffè, la serie reinterpreta le materie prime e contrastanti che si trovano nei rifugi di fortuna per i senzatetto, come cartone pieghettato e cemento. Due materiali con una dicotomia marcata - uno leggero, fragile e usa e getta quando l'altro è pesante e resistente - che illustra perfettamente l'idea che "Le persone vedono lo stesso fenomeno sociale secondo standard diversi".

Un progetto che restituisce le sue lettere d'oro al design sociale.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Sito Web di Chiho Cheon

Fotografie: Chiho Cheon

Zoe Térouinard



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

CUPACLAD: rivestimento durevole ed estetico in ardesia naturale