frendeites
comunità



Exposition : Imagined, for uncertain times

Musei chiusi, gallerie estinte e spazi culturali a mezz'asta: il minimo che possiamo dire è che negli ultimi mesi non sono stati i più prolifici per gli amanti delle mostre. Fortunatamente, alcuni commissari non mancano di risorse e contrastano in modo intelligente le normative per soddisfare gli appassionati di design. Visita di "Imagined, for times times", una mostra 2.0 che presenta pezzi di design in una scenografia immaginativa virtuale.

Progettato dallo studio americano di geometria morbida, "Imagined, for times times" riunisce un collettivo di 11 designer indipendenti provenienti da tutto il mondo. L'idea per questa mostra virtuale è venuta loro dopo la prima settimana di confino che purtroppo ha sconvolto tutti i piani estivi dello studio: più saloni, più mostre, più ordini ... Limiti estremi che, lungi dal limitare il la creatività del duo composto da Utharaa L Zacharias e Palaash Chaudhary, al contrario, li spinge a sfruttare la loro immaginazione per collegare i designer tra loro, grazie all'uso di nuove tecnologie.

7461nomini

La prima esperienza dello studio come curatore, la mostra riunisce 11 studi, scelti tra i preferiti della geometria morbida. Possiamo così scoprire le opere di Eimear Ryan di Argot Studio (Parigi, Francia), Laurids Gallée (Rotterdam, Paesi Bassi), Léa Mestres (Parigi, Francia), Benjamin Gillespie d'Ovuud (Philadeliphie, USA), Supertoys Supertoys (Rotterdam, Paesi Bassi), Vidivixi (Messico, Messico), Voukenas Petrides (New York, Stati Uniti) e Yeon JinYoung (Seoul, Corea del Sud), tutti messi in scena grazie a una successione di immagini 3D prodotte da Nicolas Canellas di SPOT Studio (Barcellona, ​​Spagna).
Quest'ultimo prese rapidamente il posto di direttore artistico in questo progetto e immaginò una raffinata e aerea galleria situata nel mezzo di un lago, abitata solo da varie opere di artisti. Uno spazio sereno e senza tempo che ti invita a disconnetterti.

Il nome della mostra, "Immaginato, per tempi incerti" si riferisce anche alle nozioni di immaginazione e incertezza, concetti inevitabili in questo periodo di pandemia. Queste due idee sono state al centro dei designer che hanno progettato opere appositamente per l'evento o hanno ridisegnato alcuni pezzi esistenti in modo da adattarsi perfettamente a questa esperienza.

Mentre molti eventi hanno dovuto essere posticipati - la Biennale di Architettura di Venezia a capo del file - l'iniziativa geometria morbida consente di ripensare i modelli espositivi e continuare a dare vita al paesaggio culturale, nonostante confinamento.



Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito di geometria morbida

Fotografie: Nicolas Canellas

Zoe Térouinard

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[Email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto

Versione mobile