A + I : AltSchool

Nel cuore della Grande Mela, l'agenzia americana A + I (Architecture + Information) offre una nuova filiale di AltSchool, una start-up educativa mirata a soddisfare le esigenze individuali degli studenti. Una scuola colorata 2.0, incentrata sulle nuove tecnologie, che i designer descrivono come "divertente, ma non infantile".

Ospitato in uno degli undici piani di un edificio in pietra risalente ai primi anni del XXe secolo, vicino a Union Square a Manhattan (New York), la struttura di metri quadrati 696 sembra più uno spazio di lavoro open space che una scuola elementare. Eppure, ogni spazio è adattato agli imperativi educativi dei giovani studenti.

"Come ogni AltSchool studente ha l'opportunità unica di imparare in base al proprio livello, ogni spazio è stato progettato per essere sufficientemente flessibili al fine di soddisfare le esigenze individuali di molti studenti, così come una miriade stili e usi unici. " A + I

6575nomini

Il set è organizzato attorno ad un'agorà centrale. Costituito da una struttura a gradini in legno blu cielo, quest'area permette ai bambini delle scuole di riunirsi durante le presentazioni o gli eventi. La costruzione azzurra include anche piccoli angoli che i bambini possono usare durante le pause. Aperto su questa piazza pubblica, viene installato un Design Lab aperto e flessibile per ospitare lavori pratici, progetti di plastica e altri esperimenti scientifici. Il suo aspetto modulare consente inoltre di trasformare questa parte di AltSchool in una sala da pranzo o un parco giochi.

Classi e cabine di vetro insonorizzate - progettate per piccoli gruppi - allineano l'altopiano principale.

Un particolare interesse è stato l'uso di materiali e colore nel compensato mobili, qui utilizzato per l'identificazione nello spazio e contrasto con i colori neutri del pavimento di cemento. I toni scuri annunciano aree calme, piuttosto riflessive e attente, mentre le sfumature audaci e audaci incoraggiano l'incontro e la sinergia. Ma attenzione, qui, non si tratta di cadere nell'uso eccessivo dei colori primari, spesso usato nelle classi. I responsabili di progetto hanno infatti non fare in una scuola normale, ma a una scuola in base all'organizzazione e al funzionamento di start-up o di un mondo adulto. Infatti, ricorda, il mantra che guida tutte le fasi di progettazione di questa scuola è stato buono e sincero "Giocoso, ma non infantile".

Un coro costante che può essere messo in discussione nello sviluppo di una scuola in cui l'immaginazione e l'innocenza dei bambini non devono essere dimenticati.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito di A + I

Fotografie: Magda Biernat