frendeites
comunità



Kimmel Eshkolot : L28

Nei loro primi anni, i ristoratori raramente godono del proprio spazio per esprimersi e sono spesso costretti a riprodurre la cucina di un altro, senza riuscire a dare libero sfogo alla propria creatività. Una scoperta sfortunata che ispira gli imprenditori israeliani che immaginano L28, la prima struttura condivisa messa a disposizione di leader indipendenti nel cuore di Tel Aviv (Israele). Un concept generosamente studiato che prende forma grazie all'intervento degli architetti Kimmel Eschkolot.

Nel menu di L28, dal nome della strada Lilienblum in cui si svolge, una cucina evolutiva, diretta alternativamente non dai giovani chef emergenti della regione. Situato nella nuova sede della Start-Up Nation di Kimmel Eshkolot, il L28 mostra i cuochi più creativi che non possono ancora sviluppare il loro ristorante. Un approccio unico in un paese con un contesto architettonico attraente, che mira, a lungo termine, a lanciare la carriera di giovani professionisti.

7000nomini

Composto da una cucina a vista, diverse sale da pranzo, un bar o una stanza, e un mezzanino privato, il set mostra i suoi toni caldi e naturali attraverso l'uso di doghe in legno, rivestimenti in pelle e verde, che contrastano con il pavimento in resina e le rampe in acciaio nero.

Lo studio di architettura israeliano Kimmel Eshkolot gestisce la doppia altezza del ristorante installando delle doghe modulari sul soffitto, che si estendono leggermente verticalmente e si piegano in diverse aree del ristorante. Un'assemblea che viene successivamente declinata in archi, sospensioni o ringhiere che delimitano le diverse parti. Lo spessore e il posizionamento delle aste formano motivi ondulati che setacciano la luce e la visibilità tra le diverse parti del L28. Sopra le zone pranzo, la tenda di legno si alza e si abbassa per regolare il livello di privacy, lasciando le lampade sottili in sospensione completare il paesaggio.

Vicino alle grandi vetrate che si affacciano sulla strada, i designer hanno sedili in pelle marrone e tavolini da caffè per accogliere i visitatori. In una disposizione più formale, le sedute rivestite in tessuti grigi sono disposte attorno a tavoli rotondi e separano i buongustai dal bar e dalle cucine. Questi ultimi si affacciano su un muro verde che sale al piano rialzato, e scaffali dai quali i preparatori possono usare le spezie.
Per completare l'offerta L28, gli architetti stanno progettando una fattoria urbana sul tetto dell'edificio, che ospita 6 mesi di residenze per chef in modo che possano lavorare con prodotti e stagioni locali.

Cosa competere con la Guida Michelin stellata!

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito di Kimmel Eshkolot Architects

Fotografie: Amit Geron

Pubblica il tuo commento

0
  • Non ci sono commenti su questo articolo.

ADC Awards

ADC-Awards-logo-2017 250-01
Le realizzazioni architettoniche più importanti eletti dalla comunità professionale

>> Per saperne di più

MIAWs

Miaw logo ok bianco

Un premio internazionale per i migliori prodotti per architetti e professionisti di layout

>> Per saperne di più

CONTATTACI!

5, Saulnier Street - 75009 PARIS

T: + (33) 1 42 61 61 81

F: + (33) 1 42 61 61 82

[Email protected]

www.muuuz.com

su

il mio conto

Versione mobile