frendeites

Situato sull'isola di Minorca (Baleari), una coppia intraprende la folle scommessa di riabilitare una finca tipica della regione in un'affascinante pensione. Per realizzare questo progetto, Benedicta e suo marito fanno appello allo studio parigino Atelier du Pont che immagina una casa contemporanea con accenti mediterranei che rispondono al dolce nome di Es Bec d'Aguila.

I 1 250 metri quadrati dell'edificio costruito nel diciannovesimo secolo sono distribuiti su tre livelli e combinano l'architettura vernacolare dell'isola, mobili contemporanei e decorazioni chiazzate. Un'associazione piena di fascino che si deve allo studio francese Atelier du Pont e agli architetti locali dell'agenzia ARU.

 

Finora trascurata, la vecchia dimora poteva dominare le altezze di Minorca, ma non offriva abbastanza viste e luce.
Un'era che è ormai un ricordo del passato poiché i costruttori aggiungono molte aperture mentre imbiancano le pareti di calce, per una migliore ricezione della luce naturale nelle stanze 12 del set. E per dare all'edificio un tocco extra mediterraneo, gli architetti hanno ripristinato le volte ostruite, che sono sottolineate da delicati archi.

Il visitatore entra nella casa attraverso una porta dipinta verde pallido che fa eco all'ampia presenza di ulivi all'esterno. Piastrelle di cemento dai toni pastello e mobili delicati conducono a una scala, distribuendo un pianerottolo più scuro. Questo piano nobile comprende una biblioteca in feltro e un bar nello stile ereditato dal periodo coloniale franco-britannico. Infine, l'ultimo livello, con più linguaggio rurale, è dedicato alle sale. Il clou dello spettacolo: un tetto combina influenze tradizionali - tomette, terracotta, tappeti orientali - e mobili da giardino grafici.

Garantito un cambiamento di scenario e privacy senza pari, la casa fa parte di un ambiente verde caratterizzato da una piscina con acqua turchese metri 25.

Vorremmo estendere bene le vacanze!

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito dell'Atelier du Pont

Fotografia: Karel Balas

Zoe Térouinard



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE