frendeites

È diventato un must nell'interior design. Lei è questo baldacchino che ti permette di dividere lasciando circolare la luce. Sa assumere forme nuove, più originali. Questo è ciò che l'architetto DESA, Camille Hermand ci dimostra con le sue realizzazioni... 

Circolazione della luce, fluidità dei movimenti, isolamento acustico, piano elettrico coerente, misure di risparmio energetico, ottimizzazione degli spazi e layout su misura, il team fornisce un progetto globale e un supporto personalizzato, affinché i suoi clienti possano sfruttare al meglio il loro spazio. 

Con i suoi montanti regolari ben allineati, si è diffuso ovunque, segnando l'interno con le sue verticali in acciaio nero negli anni 2010. bar troppo aperto o decompartimentale un bagno angusto. Se ci piace il principio, la sua mancanza di variazioni ha finito per banalizzarlo. L'architetto Camille Hermand riceve spesso richieste dai suoi clienti e sa portarle a proposte più sofisticate quando l'architettura del luogo non si presta ad essa. 

In un haussmanniano, è più appropriato dotare le pareti vetrate di montanti in rovere, in tinta con il parquet a spina di pesce. I rivestimenti arrotondati rispondono alla fantasia delle modanature o alla curvatura delle finestre ad arco. In generale una tettoia in legno naturale ha un aspetto morbido ed elegante, soprattutto in presenza di un pavimento in parquet. Quando sostituisce un'intera parete, è possibile variarne la grafica, con traverse disposte in modo irregolare. 

L'idea non è quella di installare sistematicamente un tetto di vetro, ma di posizionare delle trasparenze dove la luce possa circolare da una stanza all'altra. La porta a vetri dall'alto verso il basso è il prossimo "colpo" destinato a sostituire il baldacchino. Senza lavori importanti, il suo aspetto arioso alleggerisce l'architettura interna fornendo allo stesso tempo una prospettiva e un buon isolamento acustico e olfattivo. Nel caso di più stanze adiacenti, mantiene il vantaggio della chiarezza di più finestre frontali mentre chiude un ufficio o una sala TV. In un ingresso, isola il corridoio che porta alle camere da letto illuminandolo. Tra la cucina e la sala da pranzo, offre un passaggio elegante. 

Ultima variante tanto utile quanto elegante: la scelta del vetro. Nel suo appartamento, Camille Hermand ha voluto illuminare il corridoio, pur preservando la privacy del suo bagno. La soluzione è fornita da un vetro flute, opaco e goffrato, su baldacchino con anta integrata bianca, nella continuità delle pareti. Un altro posto, un altro stile: il vetro fumé, che dona un'atmosfera molto artistica degli anni '70 di Saint-Germain. Viene qui utilizzato sulle porte scorrevoli che separano la cucina dalla sala da pranzo. Molto trasparente sul lato cucina, è anche uno specchio sul lato sala da pranzo per evitare di svelare troppo agli ospiti il ​​dietro le quinte della preparazione della cena.

Una raffinatezza lontana dall'era industriale...

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

CUPACLAD: rivestimento durevole ed estetico in ardesia naturale