frendeites

Edmund & Figli. Forse non hai mai sentito il nome di questo produttore installato dal 1976 in Haute-Loire? Tuttavia, conosci sicuramente le sue poltrone e sedie...

Edmond & Fils è una vera storia di famiglia e passione. Quella di Edmond Chastagnier che, avvicinandosi alla pensione, preferì vivere una nuova avventura e creò questo marchio nel 1976. In più di 40 anni, Edmond & Fils è diventata il fiore all'occhiello francese dell'arredo esterno di alta gamma, ora gestito da uno dei suoi figli e i suoi nipoti. 

Dalle sue botteghe sono nati modelli, dalle linee così precise, che ormai fanno parte del nostro immaginario collettivo, e sono diventati elementi senza tempo ed essenziali di tutti questi giardini alla francese che compongono il nostro patrimonio (i Giardini delle Tuileries, la Villa Medici, Il Giardino del Lussemburgo …). 

Tra le collezioni emblematiche del brand: Siam, nata dall'incontro tra Louis Benech, paesaggista francese di fama internazionale, ed Edmond & Fils. Ma gli dobbiamo anche le famose sedie blu sulla Promenade des Anglais create negli anni '50 da Charles Tordo su richiesta della città di Nizza... O la famosa poltrona Tuileries, identica a quella della Parigi dei ruggenti anni Venti, e che trae origine dal modello realizzato nel 1923 dalle officine della Città di Parigi per lo sviluppo dei parchi parigini. 

Richiesto dal Museo del Louvre nel 2008, Edmond & Fils ha da allora rinnovato circa 6 poltrone nei giardini del Lussemburgo e delle Tuileries. 

Inoltre, dal 2017, la collezione Les Kiosques de Paris rallegra i giardini parigini... Musette da ballo, musica in giardino, spirito di festa per questa collezione di sedie, poltrone, sdraio e tavoli dallo spirito multicolore.

edmond

 PPer ulteriori informazioni, visita il sito web di Edmond & Fils.

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

I più letti

1

f + f architetti: a 160 m2, avenue Trudaine a Parigi

2

Nuovo indirizzo: 106 bis rue Saint-Lazare, Parigi 8

3

83 Marceau: il design al servizio dell'uso di Ana Moussinet