frendeites

Rinviato al 2022 per motivi di salute, si posiziona quest'anno come uno degli appuntamenti imperdibili per gli amanti dell'arte contemporanea con la Biennale di Venezia o la Documenta di Kassel. È anche un momento molto atteso dal pubblico.

Se l'edizione precedente, intitolata "Dove si mescolano le acque", aveva preso come punto di partenza la particolare geografia di Lione per aprire una riflessione sugli ecosistemi contemporanei, questa XVI edizione prende in prestito più in particolare il suo filo conduttore dalla Storia, rivelando eventi che hanno, in passato, segnato la cronaca locale, con insospettabili ripercussioni a livello internazionale sul piano politico, economico o sociale ma anche artistico, dimostrando, se fosse ancora necessario, quanto l'arte sia testimone del suo tempo. 

Sulla base di ricerche approfondite in archivi pubblici e privati, e attingendo alle collezioni di numerosi musei del territorio regionale e nazionale nonché di importanti musei internazionali (The Metropolitan Museum, The Centre Pompidou, Staatliche Kunstsammlungen Dresden... ) , i curatori della Biennale de Lyon 2022, Sam Bardaouil e Till Fellrath, hanno redatto un "manifesto della fragilità", che invita gli artisti invitati a esprimere a loro volta la loro sensibilità al mondo che li circonda e il loro desiderio di resistenza in una cronaca ostacolata dalla pandemia e dalle sue conseguenze. 

La 16a edizione della Biennale de Lyon afferma la fragilità come intrinsecamente legata a una forma di resistenza iniziata nel passato, in sintonia con il presente e capace di affrontare il futuro. Immagina un mondo che, invece di considerare la vulnerabilità come un segno di debolezza, la sfrutta nel tentativo di riconquistare il potere. È concepito come una pluralità di voci resilienti che si nutrono di tenerezza e prosperano nelle avversità.

Le comunità si formano dove parola, immagine, suono e movimento si incontrano, sfociando nella scrittura di un manifesto per un mondo irrimediabilmente fragile. 

 

Immagini ©: Luca Giradini

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

MIAW du Design 2022: Bleu Provence con True Colors Lite