frendeites

Ideata e realizzata da Ateliers d'Art de France, la biennale internazionale dell'artigianato e della creazione è l'evento imperdibile che celebra la creazione francese e internazionale. In questa occasione, sette residenti dell'incubatore “Les Ateliers de Paris” gestito dal Bureau du Design, de la Mode et des Métiers d'Art espongono le loro creazioni. Ci vediamo dal 9 al 12 giugno 2022 al Grand Palais Éphémère di Parigi!

Appassionati di moda, gioielli o interior design, tutti si incontrano per questa occasione speciale che mette in risalto le creazioni artigianali che delizieranno i visitatori! Una breve panoramica.

Cominciamo dal designer Tony Jouanneau. Specializzato in finissaggio tessile e biofabbricazione, nel 2018 fonda Atelier Sumbiosis. Viene presentata qui alla fiera Révélations la prima gamma di oggetti prodotti dal laboratorio: riunisce pezzi unici e scultorei, creati attorno a plissettature e colori organici su organza di seta.

Un altro designer presente: Fables, un laboratorio di gioielleria con creazioni impegnate. Fondato nel 2020 da Estelle Riquelme e Julie Dorey, gioiellieri e designer diplomati all'École Boulle, il loro laboratorio offre gioielli unici che onorano materiali dimenticati, frutto di incontri con artigiani appassionati. Le loro creazioni perpetuano la tradizione dell'artigianato francese di qualità, raro e sensibile.

Continuiamo questa panoramica con Formel, uno studio di creazione e produzione fondato nel 2019 da Timothée Concaret, designer industriale e Nicolas Mérigout, artigiano-designer. La loro volontà? Conciliare industria e artigianato producendo oggetti equi e responsabili nel loro laboratorio a Parigi. Creano così mobili e oggetti di uso quotidiano in modo locale, artigianale e indipendente.

Un'altra designer di gioielli presente: Lucille Grandchamp. Diplomata all'École Boulle, modella il metallo per comporre pezzi unici, traendo ispirazione dalla ricchezza plastica offerta dalla cesellatura e da altre tecniche come lo smalto o la granulazione. Sviluppa anche lavori sui cellulari e sul concetto di equilibrio concentrandosi sul rapporto giocoso tra esseri umani e oggetti.

Ci sarà anche Cécile GRAY, che dopo sette anni di architettura, è diventata stilista di tessuti, moda e accessori. Nel 2018 ha vinto il premio del pubblico all'Hyères Fashion Festival (categoria accessori). Ora collabora con case di lusso come Hermès e Lemarié (artigianato Chanel), insieme alle sue collezioni. 

Oppure Caroline Jamous: artista specializzata in lacca vegetale. Per Révélations ha creato una gamma di oggetti laccati da maneggiare, basati sul principio dei rosari (piccoli rosari), che richiedono un ritorno, attraverso il rito, alla meditazione e alla preghiera. 

E infine, ci sarà Xavier Montoy. Diplomato all'École Boulle e all'ENSCI-Les Ateliers, ha fondato nel 2019 il suo studio di design, che vede come uno spazio di incontro e scambio con scienziati e professionisti delle arti e dei mestieri. Queste collaborazioni danno vita a due tipologie di progetti. Da un lato, progetti di ricerca che rispondono a problematiche ambientali e mediche. D'altra parte progetta intorno alla modellatura del materiale attraverso un know-how eccezionale. Il tema centrale che guida il suo lavoro è il rapporto che abbiamo con il nostro ambiente e con gli esseri viventi.

 

Grand Palace Effimero 

9-12 giugno 2022 

 

Visuals ©: Xavier-Montoy-Véronique Huyghe, UNDULA - ATELIER SUMBIOSIS, Matthieugauchet, Ateliers de Paris, Julien Douvier, Caroline Jamou, Louise Grugeon

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE