frendeites

Ad Ancy-Dorno (57), il collettivo di architetti studiolada ha costruito una sala e sviluppato un parco turistico per il tempo libero. Affermando il suo approccio responsabile all'architettura, firma un progetto, in uno stile sobrio e funzionale, che esalta l'uso di materiali locali.

Su richiesta di Marie d'Ancy-Dornot, il collettivo Studiolada ha progettato un'architettura aerea e raffinata, dove coesistono diverse infrastrutture. Sotto il salone dell'Espace Mathias et Marie, un'area sportiva (pallavolo, basket, mano, skateboard, bicross), un'area culturale (eventi, spettacoli e un'area commerciale (vari mercati). Il progetto, sobrio e funzionale, fa affidamento su flessibilità e modularità e si adatta così alla diversità degli eventi che l'apparecchiatura ospiterà.

Monumentale, la sala di 836 mq è composta da 9 campate di 4 metri poggianti su 20 letti di cemento. Il pavimento è una grande lastra di cemento liscio adattata alla natura multidisciplinare del luogo.
La struttura primaria è in abete Douglas lamellare incollato, mentre il rivestimento e le stecche sono state realizzate con pino nero proveniente dalle foreste comunali. Le facciate, da parte loro, sono scandite da sottili lastre di policarbonato trasparente del tetto e coperture smontabili studiate su misura.
L'ampio salone, che può ospitare fino a 500 persone sedute, è inoltre dotato di serramenti per l'aspirazione dei fumi e illuminazione supplementare, al fine di rendere modulare l'edificio e trasformarlo secondo le esigenze del Comune.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito il sito del collettivo Studiolada.

Immagini: © Olivier Mathiotte

scrittura



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE