frendeites

Amélia Tavella, insignita del premio Young Woman Architect 2016 e recentemente elevata al rango di Cavaliere dell'Ordine Nazionale al Merito, ha appena ricevuto un prestigioso riconoscimento internazionale per il suo nuovo progetto sensibile nella sua isola natale, la Corsica, “Rebirth of il Convento di San Francesco a Santa Lucia di Tallano”. 

Il giovane architetto ha ricevuto dalle mani di una giuria di esperti, a Wuppertal in Germania, il 1° Premio - TECU Architecture Award, su iniziativa di KME, leader mondiale nella produzione di prodotti architettonici in rame.

KME raccoglie costantemente la sfida di un approccio innovativo con gli architetti e democratizza l'uso del rame nella progettazione di edifici moderni. 

Il TECU Architecture Award 2022 premia, ancora una volta, progetti eccezionali provenienti da tutti i paesi. Questi edifici hanno in comune il fatto di utilizzare in modo esemplare le ampie possibilità applicative del rame, in un concetto architettonico innovativo. 

Una giuria internazionale di esperti si è riunita per arbitrare il destino di oltre 70 progetti provenienti da quattro continenti. Solo 3 di loro sono stati onorati durante la cerimonia ufficiale del 17 giugno. In questa occasione, la giuria ha rivelato di aver apprezzato l'uso poetico del rame attraverso l'architettura audace, giusta e romantica del progetto di riabilitazione del Couvent Saint-François. 

Il Couvent Saint-François, costruito nel 1492, classificato come monumento storico, parzialmente in rovina, era inattivo. Il giovane architetto dovette ricostruirla senza separarsi dalle vestigia del passato. Ora esiste in due scene. Il primo restaurato dall'impronta originaria, il secondo, fantasma, distrutto, indossa un abito di rame, scintillante, magico che si attacca alla pietra come un innesto che trasmette la forza perduta, incrostandosi con la struttura originaria e magnificando il sacro. 

Il rame agisce delicatamente e cattura la luce che mancava alla pietra. Nutre lei, lei e l'albero che è cresciuto dentro di lei, spina dorsale nascosta di un luogo intoccabile che la sua amorevole architetto, Amelia Tavella, bambina e donna corsa, ha resuscitato e celebrato, con incessante consapevolezza che i monaci guardavano il suo gesto dall'aldilà .

Senza tradire, l'architetto ha seguito le sue stesse specifiche: passione per la sua isola, rispetto per la storia. 

 

Immagini ©: Thibaut Dini  

 



Logo-ML SiteADC

di architettura in edicola

D'A
 

display pop-up RIVISTE

Infarto !

CUPACLAD: rivestimento durevole ed estetico in ardesia naturale